Diabete: la malattia dell'età moderna

L'insorgenza è sempre più precoce, il ruolo chiave della prevenzione

Per la nostra rivista SaniMagazine, abbiamo intervistato Enrica Giannetti, Presidente dell'Associazione Famiglie Diabetici della provincia Pordenone. Ci ha raccontato di un allarmante situazione che riguarda la nostra società: infatti, siamo di fronte a una vera e propria epidemia di diabete, che nella sua forma più diffusa, il tipo 2, è dovuta a cattive abitudini alimentari e al sovrappeso. In provincia di Pordenone sono migliaia le persone che devono fare i conti con questa patologia. Si stima che le persone affette possano essere non meno di 25 mila.

I due tipi di diabete

Esistono due tipologie di diabete: quella di tipo 1 è una malattia autoimmune. L’esordio è piuttosto acuto con sete intensa, stimolo a urinare frequentemente, perdita di peso e stanchezza. In regione ci sono circa 300 bambini e ragazzi affetti da questa patologia, ma questa malattia può insorgere anche in età adulta. Nell’ambito della provincia di Pordenone sono seguiti almeno 100 pazienti in età pediatrica.

La forma più diffusa è invece quella di tipo 2 e viene definita come la malattia dell’età moderna, ed è provocata spesso dall’assenza di un corretto regime alimentare e da stili di vita inadeguati. Sotto accusa sono finiti in particolare il sovrappeso e l’obesità. A giudizio degli esperti, una componente fondamentale sarebbe da ascrivere anche all’inquinamento. A livello internazionale è infatti ormai acclarata la tesi secondo cui esiste un legame molto forte tra ambiente e salute, tra diabete e inquinamento: il problema sono le microparticelle dannose che si trovano nell’atmosfera.

placehold

Un progetto per cambiare lo stile di vita

A preoccupare gli operatori sanitari e anche le associazioni che si occupano di dare sostegno ai pazienti è la progressiva diminuzione dell’età dell’insorgenza del diabete.

"L’obiettivo fondamentale per l’associazione famiglie diabetici della provincia di Pordenone – indica la presidente del sodalizio Enrica Giannetti – è quello di fare prevenzione e informazione su questo tipo di patologia divulgando e promuovendo stili di vita basati su una corretta ed equilibrata alimentazione e sul movimento. Sul fronte della prevenzione raccomandiamo un controllo della glicemia a digiuno almeno una volta all’anno. I valori rilevati dal test dovrebbero ricadere in un intervallo compreso trai 70 e i 100 mg/dl. Qualora si riscontrino valori esterni a questo range consigliamo di contattare il proprio medico curante".

"L’associazione, nell’ottica di prevenire l’insorgenza del diabete – continua Giannetti –, promuove percorsi di camminate e Nordic Walking, ginnastica dolce e pallavolo unitamente a dei corsi di corretta alimentazione. L’informazione è una responsabilità che investe tutta la società, che esortiamo, a partire dai singoli individui, a promuovere uno stila di vita sano ed equilibrato".

Sanisystem da tempo ha stipulato una convenzione con l’Associazione Famiglie Diabetici della provincia di Pordenone, per garantire condizioni favorevoli ai soci, in un’ottica di aumento dei controlli e della prevenzione.


Contattaci per un consulto o una visita allo 0434 208215 oppure scopri di più sul nostro servizio di Diabetologia.


Questa intervista è stata pubblicata sul nostro periodico di attualità, salute e benessere SaniMagazine n. 2 - gennaio 2018

Condividi su: