La vitamina del sole

Una pillola per guarire tutti i mali? Magari non esiste, ma c’è una sostanza che le assomiglia molto!


Parliamo della VITAMINA D, la “vitamina del sole” chiamata così perché, con una corretta esposizione ai raggi solari, il nostro corpo è in grado di produrre da solo l'80% del suo fabbisogno.

Ma perché è tanto speciale?

L'abbiamo chiesto al dottor Dimitris Tsoukalas, presidente di E.I.Nu.M., che ci ha detto che "alti livelli di vitamina D nel nostro sangue si associano a:

> ridotta mortalità da qualsiasi causa

> ridotta incidenza del cancro al seno fino al 77%

> ridotta incidenza del cancro al colon

> minore incidenza del cancro alla prostata

> ridotta incidenza del diabete, sia negli adulti che nei bambini

> ridotta incidenza dell'ipertensione e della malattie cardiovascolari

> ridotta incidenza della depressione, soprattutto nei mesi invernali

> ridotta incidenza delle infezioni respiratorie

> riduzione del rischio di sclerosi multipla

> diminuzione dell'autismo e dei disturbi dello sviluppo

> ogni incremento di 1ng/ml nel sangue comporta una perdita di peso supplementare di 200gr mantenendo la stessa dieta

> miglioramento della psoriasi

> differenziazione e attivazione dei globuli bianchi

> attivazione e replicazione di 3005 geni

> aumento della produzione di 200 sostanze endogene ad azione antibiotica del corpo umano"*

...

E cosa volere di più? Praticamente un toccasana per la nostra vita.

Effettivamente, pensandoci, un tempo i nostri nonni stavano tutto il giorno all'aria aperta, ricevendo il calore del sole e, grazie a questo, attivando la vitamina D. Quindi i loro corpi erano più forti e resistenti alle malattie e si diceva spesso che "avevano una salute di ferro".

Ma come fare ad aiutare la produzione di una corretta dose di vitamina D? Tutto dipende dal luogo in cui ci si trova, dalla stagione e dall'inclinazione solare. In generale si può dire che bisognerebbe esporsi per 15-20 minuti al giorno nelle ore più calde del giorno, per almeno 4 giorni alla settimana, scoprendo braccia, viso e gambe, senza protezione solare. Per evitare scottature o danni alla pelle, meglio alternare 2/3 minuti di esposizione a 1 di ombra.

Sanisystem crede nelle nuove scoperte della ricerca scientifica. Per questa ragione organizza incontri informativi sulla Metabolomica, la scienza portata in Europa dal dottor Tsoukalas e che affronta in modo esaustivo anche il tema “vitamina D”.


*Le informazioni tra virgolette sono tratte dal libro "Come vivere 150 anni - istruzioni per l'uso del corpo umano" di Dimitris Tsoukalas.

Condividi su: